Fontana dell’Amenano

Sul lato Sud della Piazza Duomo si trova la Fontana dell’Amenano opera del 1867 di Tito Angelini.
 
Il fiume Amenano è il fiume sotterraneo che attraversa la città ed emerge unicamente in Piazza Duomo e nel vicino teatro romano. I greci dell’antica Katane gli dedicarono i primi tetradrammi, monete con l’immagine del dio fluviale. Il corso del fiume è cantato da Ovidio e immortalato nel basamento della Fontana dell’Elefante. Prima dell’eruzione del 1669 che lo ricoprì interamente, il fiume era conosciuto con il nome di Judicello perché attraversava la Giudecca, l’antico quartiere ebraico nei pressi di Piazza Mazzini.
 
La fontana venne costruita per celebrare il controllo delle acque del fiume che, in passato, aveva causato straripamenti. Nella fontana il fiume è rappresentato da un giovane che sostiene una cornucopia che versa acqua in una vasca dalla forma di un calice. Alla base del calice un’altra vasca ospita le sculture di due tritoni.
 
L’aspetto della cascata, simile a un lenzuolo ha dato origine al nome popolare della fontana, i catanesi infatti la chiamano “Acqua o linzolu” (lenzuolo d’acqua). Subito a sinistra della fontana, inglobato nella parete del seminario, si trova un tratto di muro in conci lavici dell’antica loggia civica.
 

indirizzi e Recapiti

Piazza Duomo
95124 CATANIA (Catania)

Share

Articoli Correlati