Isola Bella

L'isola Bella, “isula Bedda” in siciliano, è il famoso isolotto chiamato anche "perla del Mediterraneo", che si trova di fronte alla spiaggia di Taormina. Il nome fu coniato dal barone tedesco, Wilhelm von Gloeden, che diffuse in tutto il mondo il valore artistico dell'isola.

L’isolotto venne donato nel 1806 da Ferdinando I di Borbone a Pancrazio Ciprioti sindaco di Taormina. Fu acquistata nel 1890 da Lady Florence Trevelyan che la valorizzò costruendovi una casetta e piantando pregiate essenze; poi andò in eredità all’avvocato Cesare Acrosso. 

Nel 1954 fu acquistata dai fratelli Busurgi, proprietari della Sanderson, storica azienda messinese di trasformazione degli agrumi, che vi realizzarono una splendida residenza con una piccolissima piscina incastonata tra rocce e piante, al fine di ospitare i loro amici imprenditori. Il fallimento dell’azienda di famiglia, aprì la strada all’ asta giudiziaria per la vendita dei loro beni, tra cui anche l'Isola Bella con la sua villa. Una prima asta fu dunque fissata.  Intanto le istituzioni si impegnarono per tutelare l'isolotto.

L'8 ottobre 1984 l'Assessorato regionale dei beni culturali dichiarò l'isola Bella un monumento d'interesse storico artistico di particolare pregio sottoponendola a vincoli di tutela poiché considerata dal decreto un “monumento naturale”. 

Nel 1990 l’isola fu messa nuovamente all’asta e acquistata finalmente dall’Assessorato dei Beni Culturali. Nel 1998 fu istituita riserva naturale, gestita dal WWF e di recente passata in gestione all’Università di Catania. 

L’isola ornata dalla ricca vegetazione è collegata alla terra ferma da una sottile striscia di spiaggia, che scompare e ricompare secondo il ritmo delle maree regalando così, grazie alla bassa marea, la possibilità di raggiungerla e visitarla. 

Nonostante le sue piccole dimensioni la riserva conserva elementi naturalistici unici e riveste un ruolo strategico grazie alla sua collocazione, con l'ambiente marino che la circonda. 

 

indirizzi e Recapiti

Isola bella
9803 TAORMINA (Messina)

Share

Articoli Correlati